At the end of summer we will be young.

Questo progetto fotografico ed editoriale è nato in collaborazione con Davide Bart Salvemini.

(https://www.davidebartsalvemini.com)

 

Il profumo di carne alla brace, l’odore sincero dei pini, il sale calcificato sulla pelle dopo il bagno in mare, la polvere delle strade sterrate tra le dita dei piedi.

ll Montenegro ha molte facce, molti odori e molti nidi dentro di sé.

“At the end of summer we will be young” racconta i volti, le strade, le acque diverse, le ombre e i relitti incontrati durante un viaggio on the road estivo.

Due paia di occhi diversi narrano la stessa storia.

Davide propone una narrazione digitale, dai toni cupi e pastosi, tinti di un mistero underground..

Anita racconta in 35mm, in bilico tra luce e ombra, granulosa e schietta come la sua pellicola.

Fotografie a pagina piena ci fanno tuffare in questo viaggio spartano, inaspettato e dolcemente selvaggio.

Nessun posto per dormire prenotato.

Una volta sola in un ristorante in 8 giorni.

Volti nuovi conosciuti e anime simili trovate.

Un revival degli anni ’90 italiani immersi in uno strano 2019.

Cartoline, orologi, montagne, cartine e succhi di frutta al melograno.

 

Forse alla fine di questo viaggio saremo più a contatto col nostro lato selvaggio.

Forse alla fine di questa avventura potremo leggere sul palmo delle nostre mani, al posto delle vene, le strade del Montenegro.

Forse alla fine di questa estate, saremo di nuovo giovani.

 

 

° nella sezione Shop di questo sito puoi visionare e acquistare la Fanzine Fotografica di questo progetto.

 

 

//Ing//

 

This photographic and editorial project is born in collaboration with Davide Bart Salvemini.

 

The grilled meat perfume, pines sincere smell, calcified salt on the skin after the sea bath, the dirt road's dust between toes.

The Montenegro has many faces, many different smells, and many nests inside it.

"At the end of summer we will be young" talks about faces, different waters, shadows and flotsam met during this summer road trip.

Two different pair of eyes tell the same story.

Davide proposes a digital narration, made of deep and mellow shades with an underground touch.

Anita tells the story in 35mm film, hovering between lights and shadow, grainy and frank as her film.

Pictures in the hole page, made us dive in this unexpected, spartan sweetly wild trip.

No bed reserved to sleep in 8 days.

New faces known and similar souls find.

An '90s italian revival immersed in a strange 2019.

Postcards, clock, mountains, maps and pomegranate juice.

 

Maybe at the end of this road trip we will be more connected to our wild side.

Maybe at the end of this adventure, on our hand's palms, we will read Montenegro's streets instead of our veins

Maybe at the end of this summer, we will be young again.

 

 

° inte Shop part of this website you can vision and buy the Photographic Fanzine of this project