Provo ad osservare la figura di mia madre: siamo solo io e lei.

Ricerco le tracce del suo passato, della sua memoria: i suoi oggetti più cari. 

Nella casa dove lei è cresciuta, e dove io ho trascorso la mia infanzia, mi nascondo e attendo che gli oggetti mi parlino.

Tento di spogliarmi di anni di silenzi ostili e agguerriti.

Cerco di capire e conoscere la memoria di una madre che è stata sempre presente e sempre respinta.

La mia memoria entra in contatto con la sua.